menu principale

Analisi stress da lavoro correlato

Valutazione del livello di stress e di squilibrio in tutte le aree dell'azienda, per individuare i settori più a rischio.

Dal gennaio 2011 è obbligatoria per tutte le aziende italiane la valutazione dello stress da lavoro correlato, ovvero la percezione di squilibrio avvertita dal lavoratore quando le richieste eccedono le capacità individuali. Una “dose accettabile” di stress ha effetti positivi sull'organismo, stimola a migliorare e ad alzare la soglia dell'attenzione. Una esposizione prolungata e particolarmente pesante invece può mettere a rischio la salute dell'individuo.

  1. individuazione dei fattori di rischio da stress collegato

  2. avere sotto controllo la salute psico-fisica dei lavoratori

  3. adottare le adeguate misure di prevenzione e protezione

La valutazione del rischio di stress da lavoro correlato non deve essere una misura individuale, da ricercare nella singola persona all'interno dell'azienda, ma una situazione trasversale, che possa riflettere tutte le eventuali situazioni di disagio per aree o reparti. L'utilizzo dei questionari a campione ad esempio sono perfetti per stabilire statisticamente le aree potenzialmente a rischio. Altre informazioni utili sono i dati sull'assenteismo, le richieste di cambio mansione, le dimissioni, la tipologia di contratto, gli orari di lavoro e i rapporti tra le persone.

Le sanzioni in caso di mancata valutazione dello stress lavoro correlato sono a carico del Datore di Lavoro e comportano ammende da euro 2.000 ad euro 6.400, o l'arresto da 3 a 6 mesi.

inviaci la tua richiesta